Cerca
  • Gruppo Sadel

Lenti a contatto? Ecco qualche info

Valida alternativa agli occhiali, le lenti a contatto (LAC) correggono i difetti della vista ovvero miopia, astigmatismo, ipermetropia e presbiopia. La maggior parte delle persone le può indossare senza problemi, mentre una minoranza non le tollera bene a causa di una scarsa lacrimazione naturale o per insufficiente ossigenazione dell’occhio dovuta ai materiali di cui le lenti sono costituite. L’acquisto va sempre effettuato dopo aver consultato un oculista che valuti eventuali problemi di compatibilità e prescriva la gradazione corretta. Insieme alle lenti è bene richiedere all’ottico la Guida al corretto utilizzo delle LAC – Avvertenze, precauzioni e rischi, predisposta dal Ministero della Salute, che elenca le principali norme per utilizzarle in modo da evitare fenomeni di intolleranza o danni alla cornea.





Un po’ di storia Già all’inizio del 1500 Leonardo Da Vinci aveva studiato la possibilità di applicare una lente all’occhio notando come, se si immerge un bulbo oculare in una sfera contenente acqua, la cornea aderisca perfettamente alla parete concava della sfera stessa. Sviluppando il concetto di Leonardo, nel 1636 Cartesio pubblicò La Diottrica, studio in cui dimostrava che un tubo riempito d’acqua, avente all’estremità una lente sovrapponibile alla cornea, annulla o riduce le anomalie refrattive dell’occhio. Ma le lenti moderne sono opera di un produttore tedesco, F. A. Müller, che nel 1887 creò una lente trasparente in vetro allo scopo di proteggere un globo oculare danneggiato. La prima lente a contatto correttiva, sempre in vetro, fu creata in contemporanea nel 1888 dal medico svizzero A. Eugen Fick e dall’ottico parigino Edouard Kalt. Si trattava di strumenti ottici molto scomodi, sia per il materiale utilizzato, impermeabile all’ossigeno, sia per la dimensione. Il primo materiale plastico, il polimetilmetacrilato, anch’esso impermeabile all’ossigeno ma molto più leggero del vetro, fu introdotto negli Stati Uniti sul finire degli anni ’40 del secolo scorso dall’ungherese Dallos e dall’americano Fleinbloom. Solo dopo il 1950, tuttavia, comparvero le prime lenti di diametro inferiore alla cornea. Nel 1960 uscirono sul mercato le lenti a contatto morbide, in hydrogel, realizzate dai ricercatori cecoslovacchi Lin e Wichterle.


Vuoi leggere tutto l'articolo? Ecco qui: http://www.benessere.com/salute/arg00/lenti_contatto.htm

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti