Cerca
  • Gruppo Sadel

Sai cos'è il daltonismo?


Il daltonismo – condizione nota anche come "cecità ai colori" – è un'anomalia visiva che comporta un'alterata percezione dei colori. La cecità ai colori può essere totale o parziale; la cecità totale, definita acromatopsia, è molto rara. Le persone che ne sono affette non sono in grado di percepire alcun colore e sono molto sensibili alla luce. Più diffusa è invece la cecità parziale ai colori, detta discromatopsia, che riguarda l'insensibilità totale o la scarsa sensibilità a uno o pochi colori, principalmente il verde e il rosso. Questo disturbo della vista deve il suo nome a John Dalton, chimico e fisico inglese che ne era affetto e che per primo lo descrisse nel 1794.


Quali sono i sintomi del daltonismo?

La sintomatologia del daltonismo è caratterizzata dall'alterata percezione dei colori. In particolare i soggetti che soffrono di protanopia o protanomalia hanno difficoltà a visualizzare le tonalità rosse, le persone con deuteranopia e deuteranomalia hanno difficoltà a visualizzare il verde mentre coloro che soffrono di tritanopia e tritanomalia hanno difficoltà a visualizzare il blu.

Il daltonismo nella popolazione europea interessa circa l'8% degli uomini e l'1% delle donne. La notevole differenza che si riscontra nella frequenza tra uomini e donne è dovuta al fatto che la protanopia e la deuteranopia sono determinate da geni posti sul cromosoma sessuale X che nelle donne è presente in duplice copia. Dunque, affinché una donna manifesti questo disturbo visivo entrambi i cromosomi X devono presentare gli alleli per il daltonismo, mentre nell'uomo è sufficiente che siano presenti sull'unico cromosoma X.



Se lo si eredita..


Il daltonismo ereditario – ovvero la forma più diffusa di questo disturbo – non può essere prevenuto. Qualcosa si può invece fare per prevenire il daltonismo "acquisito", evitando tutte le condizioni che possono predisporre al suo sviluppo tra cui evitare di esagerare con gli alcolici, tenere sotto controllo la salute degli occhi ed evitare traumi cranici.

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti