Cerca
  • martina di capua\

Il lupus: cos'è e come si manifesta

Cos'è il lupus?

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia cronica autoimmune, dovuta ad una attivazione incontrollata del sistema immunitario che comporta un’infiammazione dei tessuti dell’organismo. Il LES può interessare qualsiasi organo e apparato, determinando sintomi e quadri clinici differenti da paziente a paziente. La malattia è generalmente caratterizzata dall’alternarsi di periodi di acuzie e periodi di remissione, con relativo benessere per il paziente. A esserne colpite sono soprattutto le donne, con un rapporto di 9 a 1 rispetto ai maschi.


Lupus eritematoso sistemico: una malattia cronica autoimmune

Il lupus è una malattia cronica autoimmune ed è dovuto a una reazione del sistema immunitario che può erroneamente attaccare tessuti, organi o apparati perché non li riconosce come appartenenti all’organismo e dunque come propri.

Alcune malattie autoimmuni colpiscono specifiche zone del corpo, mentre il lupus può interessare qualsiasi organo, in particolar modo cuore, reni, cute, sistema nervoso e articolazioni.

In Italia si registrano più di 60.000 pazienti affetti da lupus, con una percentuale più alta di donne (una caratteristica, questa, tipica delle malattie autoimmuni).



Da cosa può essere causato il lupus?

Negli individui predisposti geneticamente il lupus può essere scatenato da fattori ambientali come uno stress emotivo particolarmente forte, un trauma, un’infezione, l’assunzione di determinati farmaci e l’esposizione al sole. Giocano un ruolo significativo anche le variazioni ormonali, caratteristiche di fase della vita come la pubertà, la gravidanza o la menopausa.

I trattamenti del Lupus

Generalmente, le terapie per il lupus eritematoso sistemico prevedono farmaci corticosteroidi, farmaci anti-malarici, e immunosoppressori. Al momento sono anche in fase di studio diversi farmaci biologici.

In ogni caso, a seguito della diagnosi, dev’essere lo specialista a valutare il trattamento più adeguato della patologia, in base alla severità con cui si manifesta, alla sua attività e al quadro clinico del paziente.





3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti