top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreGruppo Sadel

Decifrando l'asma: sintomi, cause e cura

In questo articolo affronteremo l'asma come una patologia infiammatoria cronica, con una prevalenza del 9.5% nei bambini e del 10.4% nei giovani adulti. La malattia comporta una restrizione progressiva dei bronchi, causando difficoltà respiratorie e sintomi variabili. Nell'ambito pediatrico, le cause spaziano dalle allergie alle muffe alle forme da sforzo fisico. Il coinvolgimento dei genitori e l'accurata diagnosi tramite esami e diario sintomatologico sono cruciali per la gestione e la terapia guidata dallo specialista, al fine di controllare la malattia e prevenire complicazioni

In cosa consiste l’asma?

L’asma è una malattia infiammatoria cronica, la cui prevalenza è del 9.5% nei bambini e del 10,4% nei giovani adulti; è caratterizzata dalla progressiva restrizione dei bronchi per cui il paziente avverte difficoltà respiratoria con sintomi (respiro sibilante, dispnea, tosse) che vanno dal lieve-moderato-grave e che possono arrivare a limitare in modo severo le attività della vita quotidiana. Va distinta dalla bronchite asmatiforme che riconosce una causa infettiva (virale o batterica).

Quali sono le cause dell’asma?

Le cause di asma in età pediatrica sono soprattutto estrinseche (allergie alle muffe, graminacee, muffe, acari) ma si riconosce anche l’asma da sforzo in soggetti predisposti che, in condizioni di stress (quali uno sforzo fisico intenso) possono scatenare una imponente liberazione di istamina ed un intenso broncospasmo.



Perché è importante non sottovalutare i sintomi?

È dunque importante non sottovalutare il respiro sibilante o la tosse nel bambino con wheezing e riportare al Pediatra Allergologo i fattori di rischio (familiarità, allergie, abitudini di vita).

Sarà lo Specialista poi a prescrivere gli esami necessari o utili alla definizione della diagnosi (prick test e prove spirometriche) e alla impostazione della terapia. Non va dimenticato il ruolo dei genitori nel redigere il “diario dei sintomi” utile a definire la gravità del quadro clinico e la risposta clinica alla terapia impostata.

È possibile curare l’asma?

L’asma bronchiale deve essere curata nel modo più appropriato secondo le linee guida internazionali che ci permettono di controllare la malattia (terapia antinfiammatoria di fondo e broncodilatatori) e ridurre il rischio di evoluzione in termini di gravità dei sintomi e di cronicizzazione.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Opmerkingen


Post: Blog2_Post
bottom of page