Cerca
  • Gruppo Sadel

Mappatura dei nei: perché è importante farla?

Cos’e la mappatura dei nei?

La mappatura dei nei in epiluminescenza è una valutazione dermatologica che permette il controllo accurato delle lesioni pigmentate presenti sulla pelle, chiamate per l’appunto “nei”.

È un esame diagnostico preventivo molto importante perché consente di diagnosticare precocemente tumori cutanei che potrebbero risultare molto pericolosi per la nostra vita e che potrebbero rapidamente peggiorare a causa di una cattiva e prolungata esposizione al sole.




Mappatura nei: come viene fatta.

Durante la visita dermatologica lo specialista, dopo aver attentamente osservato tutto il corpo, ed aver fotografato i nei sospetti, darà al paziente il referto dell’esame e tutte le indicazioni necessarie per il controllo successivo e per una corretta esposizione ai raggi solari.

Durante la mappatura dei nei il dermatologo ha l’opportunità di:

Osservare le caratteristiche cliniche di ogni neo (forma, dimensioni e colore) e SOPRATTUTTO di coglierne eventuali alterazioni, non visibili ad occhio nudo, tramite l’utilizzo di particolari lenti.

Il tutto viene eseguito con strumentazioni non invasive e in maniera completamente indolore per il paziente.

La mappatura dei nei è un esame che richiede dai dai 15 ai 20 minuti circa.


La pelle è un organo speciale in continuo rinnovamento, che ci protegge dagli attacchi meccanici, fisici, chimici e/o batterici provenienti dall’ambiente esterno ed è giusto prendersene cura proteggendolo dalle radiazioni del sole.

Ma soprattutto è l’unico organo esplorabile alla sola vista, in grado di mostrare, ad un occhio esperto, anomalie o lesioni cutanee sospette.

Per questo prima dell’estate è molto importante effettuare una visita dermatologica con mappatura completa dei nei.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti