Cerca
  • Gruppo Sadel

La giornata internazionale per le persone con disabilità

Aggiornamento: 15 dic 2021

Il 3 dicembre si celebra la Giornata Internazionale delle persone con Disabilità, istituita nel 1981 dall’ONU, in occasione dell’Anno Internazionale delle Persone Disabili, per promuovere una più ampia sensibilizzazione sui temi della disabilità, onde sostenere la piena inclusione delle persone con disabilità in ogni ambito della vita e ridurre ogni forma di discriminazione o violenza.


Le persone con disabilità rappresentano il 15% della popolazione mondiale, circa un miliardo, e devono affrontare nel corso della loro vita discriminazioni e ostacoli che ne limitano la piena partecipazione alla vita sociale: sono le persone con disabilità.



Per loro, l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha proclamato nel 1981 la Giornata internazionale delle persone con disabilità, che viene celebrata ogni anno il 3 dicembre, allo scopo di promuoverne i diritti e il benessere.

Purtroppo, il numero di persone con disabilità è in costante crescita a causa dell’invecchiamento della popolazione. Le principali analisi confermano, infatti, che a livello mondiale, esiste una correlazione positiva tra invecchiamento e disabilità, soprattutto nei Paesi più poveri in cui gli individui accumulano, nel corso della vita, maggiori rischi sanitari a causa di malattie croniche, incidenti e altre patologie.


Partendo da queste evidenze 5 degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per uno sviluppo sostenibile sono stati formulati con riferimenti espliciti alle persone con disabilità.

In particolare, secondo l’Agenda nel prossimo decennio dovrà essere garantito un accesso equo, di qualità e senza barriere all’istruzione, un’inclusione totale a livello economico e politico, l’abolizione di ogni barriera fisica all’accesso a edifici e trasporti pubblici e, infine, un miglioramento della raccolta di dati statistici relativi alla disabilità, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.





Anche l’Unione europea è in prima fila nella difesa dei diritti delle persone con disabilità con l’Agenda Europea sui Diritti delle Persone con Disabilità 2020-2030. L’Agenda si gioverà della valutazione della strategia europea sulla disabilità 2010-2020, i programmi e le azioni, anche alla luce dell’impatto della recente pandemia da Covid-19, che guideranno per i prossimi dieci anni le politiche dell’Unione in tema di diritti delle persone con disabilità, prevedendo una serie di impegni precisi, da perseguire con le risorse più adeguate.


Sul fronte nazionale vale la pena citare la Legge 1° marzo 2006, n. 67 “Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni” che, anche se ancora poco sfruttata, è diventata un “modello” da acquisire nell’ambito della legislazione europea.


Insomma, parola chiave? Inclusione.

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti